Progetto Banca del sangue

 

Il progetto “Realizzazione di una attività trasfusionale presso l’Ospedale di Maigaro (RCA)” si è concretamente avviato.

Finalizzato a far fronte alla drammatica situazione di mancanza di sangue, indispensabile quotidianamente per salvare la vita a molti pazienti (soprattutto madri e bambini) e finanziato dalla FONDAZIONE ZANETTI-ONLUS di Treviso, sarà sviluppato in tre fasi, in un arco di tre anni:

  • sensibilizzazione sull’aspetto della donazione-trasfusione del sangue, inizialmente rivolta alle scuole superiori e agli studenti degli istituti religiosi (e in seguito estesa ad altri gruppi e associazioni) della Diocesi di Bouar, al fine di creare un gruppo di donatori periodici volontari
  • “reclutamento” (controlli clinici e di laboratorio) dei candidati donatori e formazione del personale sanitario (medici, infermieri, laboratoristi) dell’Ospedale
  • avvio dell’attività della “banca del sangue”, con un periodo di affiancamento del personale da parte di specialisti trasfusionisti

 

Presentazione del progetto

La frigo-emoteca era già stata acquistata ed è già in uso, mentre un apparecchio per le analisi ematologiche sta per arrivare in laboratorio: a giorni inizieremo il corso di formazione per il personale tecnico.

Ent

rambe le apparecchiature rientrano nel finanziamento della Fondazione.

In questa prima fase, insieme a Sr. Giulia e a Felix (animatore) a

bbiamo già avviato incontri con le ragazze del Collége della Missione, con il personale ospedaliero e con allievi e religiosi di alcuni Istituti diocesani: entro Pasqua completeremo gli incontri con tutti gli altri.

L’inizio è stato decisamente incoraggiante: abbiamo trovato molto interesse da parte dei ragazzi e dei religiosi. Al momento ci sono già oltre quaranta adesioni a donatori volontari !

In un ambiente dove è la prima volta in assoluto che si affrontano queste tematiche e non è molto diffusa l’abitudine alla solidarietà disinteressata, questo per noi rappresenta un risultato decisamente positivo.

Presentazione del Progetto Il primo obiettivo è quello di raggiungere un numero sufficiente di donatori effettivi: in un’area come questa, con alta endemia di patologie infettive (epatite B e C, HIV…) dopo i controlli clinici e di laboratorio, il loro numero si ridurrà certamente (rispetto alla adesioni).

Per questo consideriamo questa come la fase più critica: ma siamo fiduciosi.

Sul sito pubblicheremo gli aggiornamenti sull’avanzamento del progetto

Ringraziamo ancora la Fondazione Zanetti-Onlus per l’aiuto, non solo finanziario, ma anche veramente partecipato, da parte di tutto lo staff.

Grazie di cuore

 

Renzo e Flora Cristofoli

 
Facebook MySpace Twitter Digg Delicious Stumbleupon Google Bookmarks RSS Feed